venerdì 27 marzo 2015

Regalo di Primavera: un vecchio tagliere.




[...È l’ora, in cucina, che troppidue sono, ed un solo non basta:si cuoce, tra murmuri e scoppi,la bionda matassa di pasta.Qua, nella cucina, lo svolodi piccole grida d’impero;là, in sala, il ronzare, ormai solo,d’un ospite molto ciarliero.Avanti i suoi ciocchi, senz’irané pena,la docile macchina giraserena,qual docile servo, una voltach’ha inteso, né altro bisogna:lavora nel mentre che ascolta,lavora nel mentre che sogna....]
(La canzone del girarrosto (parte III) - G. Pascoli - I canti di Castelvecchio)



Quando ho trovato questo tagliere, ho subito immaginato la classica nonna intenta a preparare il pranzo domenicale per tutta la sua famiglia.

Ho immaginato le fresche erbe aromatiche appena tritate da una vecchia mezzaluna o gli ortaggi affettati, e chissà quali ingredienti sono stati poggiati su questo pezzo di legno destinati a far nascere qualche prelibatezza.







Oppure vi sono stati sminuzzati dei funghi appena colti, se chiudete gli occhi sono sicura che potrete sentire il loro profumo terroso...




La cosa che mi ha fatto definitivamente innamorare è la maniglia, con tutti i suoi difetti di vita vissuta.
Un altro tesoro trovato, il mio piccolo regalo di primavera, non vedo l'ora di poterci lavorare su.
Un abbraccio e Buon week end.
Fabiola

3 commenti:

  1. Bellissimo e preziosissimo il tuo tagliere!!!!
    Di sicuro ne farai un bell'uso......
    Mostraci i primi risultati.....
    Sereno f.s. speriamo con il sole!!!
    Nadia

    RispondiElimina
  2. Un bellissimo tagliere che profuma di cibo buono, di quello creato con le mani e con tanta passione!!!


    Un bacione
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano questo blog. Se ti piace ciò che creo e vuoi lasciare un un segno del tuo passaggio, ne sarò felice e mi aiuterai a far crescere questo piccolo angolo virtuale.

Ti potrebbero anche interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...